Classificazione, diagnosi ed ICD-10. III - Le sindromi affettive

Stylianos Nicolaou, Giovanni de Girolamo

Research output: Contribution to journalArticle

Abstract

Scopo - Presentare un breve profilo storico sui termini nosografici e sui principali modelli di classificazione dei disturbi affettivi descrivendo le caratteristiche più importanti della loro classificazione secondo l'ICD-10, le principali novita introdotte in essa rispetto all'ICD-9 ed infine alcune similarità e differenze tra la classificazione ICD-10 ed il DSM-III-R. Risultati - DalFanalisi della struttura della classificazione di questi disturbi nelFICD-10 emerge con chiarezza la difficoltà di arrivare ad una sistemazione nosografica esauriente sulla base delle conoscenze attuali. L'ICD-10, comunque, ha segnato un significativo progresso rispetto all'ICD-9, ed ha, al tempo stesso incorporato molti degli orientamenti riscontrabili nel DSM-III-R. Conclusioni - L'ICD-10 ha proposto un modello di classificazione che cerca di operare una sintesi tra tradizioni e scuole diverse, e di valorizzare nel contempo, per quanto possibile, i risultati emersi dalle ricerche di queste ultime 2 decadi.

Original languageItalian
Pages (from-to)119-128
Number of pages10
JournalEpidemiologia e Psichiatria Sociale
Volume2
Issue number2
DOIs
Publication statusPublished - 1993

ASJC Scopus subject areas

  • Psychiatry and Mental health
  • Public Health, Environmental and Occupational Health

Cite this